Non esiste cooperazione senza conflitto.

Non ha senso integrarsi senza la prospettiva di un vantaggio ma non si può immaginare di farlo senza rinunce.
Altrimenti non è integrazione ma semplice annessione.

Nella vita sociale e quindi anche in quella organizzativa il lavoro principale è rappresentato dalla ricerca di equilibrio fra questi concetti.
Equilibri concreti, fattuali e equilibri emotivi, non meno concreti ma certamente meno “afferrabili”.

A fare da cornice e da contenitore il grande tema del cambiamento.

Questi i principali obiettivi formativi dei nostri corsi dedicati all’esplorazione di queste aree:

  • affrontare il tema del cambiamento
    analogie e differenze con l’evoluzione
  • comprendere la relazione fra Persona e cambiamento
    quali elementi rendono accettabile il cambiamento
    come si possono aiutare le persone a gestire il cambiamento
  • evidenziare le caratteristiche specifiche del cambiamento nelle organizzazioni
  • rileggere le nostre esperienze di cambiamento e i nostri vissuti
  • definire il concetto di integrazione e di cooperazione e differenziarlo da altri falsi sinonimi che pregiudicano le relazioni fra i sistemi (organizzativi e umani) quando necessitano di integrarsi e cooperare
  • affrontare il tema del conflitto come risposta fisiologica dell’incontro fra differenze
  • comprendere la relazione fra conflitto (risposta fisiologica nella gestione delle differenze) e scontro (risposta patologica di natura relazionale e emotiva)