È il superamento del team building.

Troppe volte si guarda al gruppo come ad una entità naturale (le Persone interagiscono spontaneamente) che può essere regolata e resa efficace solo dall’azione virtuosa da parte di chi deve costruire e gestire il gruppo.
Come se fare gruppo fosse una prerogativa dell’unica Persona che, avendo autorità e responsabilità, è chiamata a sviluppare la capacità necessaria.
Secondo noi invece il risultato di un gruppo è il risultato di tutte le competenze che i membri mettono a disposizione per stare nel gruppo, per viverci dentro, contribuendo a farlo funzionare o disfunzionare.

Per sviluppare questa competenza realizziamo una vera esperienza di gruppo che viene successivamente analizzata, compresa e riletta alla luce della quotidianità dei partecipanti.

L’esperienza del “Team living” può essere realizzata anche con gruppi “family”, cioè gruppi effettivi, con la partecipazione quindi anche del livello gerarchico.

Questi i principali obiettivi formativi del nostro corso sulla competenza di vivere in un gruppo:

  • costruire un’esperienza di “team” e di “lavoro di gruppo”
  • monitorare le premesse organizzative
  • monitorare le premesse relazionali
  • vivere un’esperienza di “team” e di “lavoro di gruppo”
  • praticare ciò che è stato progettato
  • ospitare le variazioni impreviste
  • comprendere cosa significa “stare in un team”
  • immaginare la trasferibilità nella quotidianità: dal “qui e ora” al “là e allora”