BENDESSERE (2)

Di 23 ottobre, 2017 Blog

le abitudini e i loro costi
Le abitudini sono così vantaggiose che sembrano non costare.
Per meglio dire, sono così visibili i vantaggi: automatismi, sensazione di efficacia, ottimizzazioni e efficienze, e così immediati, che i costi sembrano non esserci e comunque sono spalmati nel tempo. Nel brevissimo termine producono solo vantaggi.

il corpo si abitua alle abitudini
Il corpo si adegua al comportamento acquisito e specializzato.
Sembra che assecondi l’abitudine, che ci assecondi nella nostra coazione a ripetere e così facendo ci sembra che non ci costi.
Il corpo si adegua al dolore, si modifica per non farci sentire un dolore, collude con la nostra voglia di non occuparci di una cosa che non va.
Un piede sporge o rientra per non farci sentire un dolore al ginocchio, le spalle si incurvano per non farci sentire la schiena contratta, il collo si piega da un lato per non farci sentire un dolore ad una vertebra.
Il piede ruotando produce altro danno ma è una cambiale a lunga scadenza, così come le spalle incurvate o il collo piegato, arriverà il momento del pagherò ma ora ci sembra che ci dia sollievo.
Più che una cambiale è un patto con uno strozzino ma nel breve abbiamo liquidità…

il favore del dolore
Il cambiamento ci svela che stiamo spendendo, come cambi qualcosa ti accorgi che stavi già spendendo, ti accorgi di ciò che ti stava già costando.
Il cambiamento non sempre produce dolore, spesso svela un dolore pre-esistente di cui non eravamo consapevoli e nel fare ciò ci fa un grande favore: ci offre la possibilità di prenderci in carico.
L’asintomatologia ci preserva dalle preoccupazioni ma non ci aiuta nella prevenzione e nella cura.
Se riuscissimo ad accogliere ogni dolore come un utile “warning” forse riusciremmo a considerarlo un alleato e non una sfiga…

l’illusione dell’omeostasi
Non è sempre vero il principio omeostatico del massimo risultato col minimo sforzo/costo.
Se il costo è nascosto l’equilibrio non è poi così vantaggioso: se non vedo l’addebito penso che sia gratis ma poi arriva l’estratto conto e rifaccio i miei conti.
Cambiare i comportamenti, mettere in discussione le abitudini è un po’ come andare a vedere i movimenti in banca.
Lì c’è la realtà e noi possiamo decidere che fare.

Prenderci in carico o prenderci in giro?

Bendessere (1): http://www.evolveonline.it/bendessere.html

 

Commenta